lunedì 4 giugno 2012

insetti couture, siamo pronti?



Quanti anni mancano al 2050? 38...
Tra 38 anni il pianeta terra crescerà da 6 a 9 miliardi  , mancheranno cibo e acqua in Africa,India,Cina e sud America. Se non smettiamo di allevare intensamente il bestiame,la fame nel mondo dilanierà l'80% della popolazione mondiale e i gas serra aumenteranno notevolmente, distruggedo quel poco che ci rimane;  attualmente il consumo di carne per persono è di 50 kg a breve sarà di 80 kg a persona .. fate voi i calcoli per l'Italia
... chiamate dio per dirgli di creare un altro pianeta per l'allevamento..

La soluzione  della fao  per un mondo sostenibile e sovrapopolato è quella dell'allevamento di insetti per uso umano, o scopi alimentari generici.
il “New York Times” scrive che in Olanda gli allevatori d’insetti sono una realtà numerosa e consolidata.Ma il prezzo degli insetti è ancora troppo alto per allevarli c'è bisogno di un grande lavoro manuale .


La Royal Entomology Society però ci fa notare che anche gli insetti nelle aree urbane stanno scomparendo per via di pesticidi e fabbriche asettiche. La scomparsa degli insetti nelle città è un dato allarmante e poco rassicurante, ed è per questo che sarebbe consigliato avere una o più piante sul poggiolo.

Se siete degli appassionati entomologia e vi trovate in U.K. andate qui .


Ci sono 1400 specie commestibili di insetti  sul nostro pianeta e in Asia 29 paesi li mangiano già , nelle americhe 23 paesi gustano insetti e in Africa vengono mangiate 500 specie diverse di insetti.  la cena entomofaga dovrà incominciare a far parte della nostra nutrizione, addio dieta mediterranea, benvenuti insetti!

Preparatevi mentalmente fino al 2050 dopo di che o abbattiamo i tabù sugli  insetti oppure moriremo di stenti. Spero vivamente che la popolazione mondiale si dia invece una regolata sull'abuso sconsiderato della carne.

********
le "famiglie " di insetti di cui ci potremmo nutrire ,almenoi più consueti sono: Formiche;api e vespe;grilli e cavallette;falene e farfalle;coleotteri;scorpioni.
Gli insetti sono ricchissimi di nutrienti , molto di più rispetto a carne o pesce e da larve sono  ricche di lipidi.

Bene o male i venditori di queste "prelibatezze" in Europa non sono molto frequenti e vengo prese alla leggera, io finora non ho mai sentito nessuno vantarsi del suo cup cake con farina di grillo e glassa di coleottero. Il reale problema della vendita degli insetti secondo me è il packaging, la pubblicità e vecchie storie/tabù. Per rendere più affascinanti e più appetitosi gli insetti è un gioco da ragazzi, pensate a quante schifezze ingurgitate che sono scritte in piccolo sulla lista degli ingredienti o da quanto siete rapiti dalle parola bio-dinamico-naturale-contadino.. e quanto vi piace la confezione a forma di mela... nel giro di pochi anni non ne potrete più fare a meno dell'insalata del contadino di larve di coleottero...


A me l'idea di mangiare insetti all'inizio disturbava terribilmente, poi è accaduto che trovandomi davanti a un venditore di cavallette non ho saputo resistere e le ho provate, superato il disgusto iniziale .... erano buone! accidenti dovreste provare per credere.

Pensate alle locuste...alle intelligentissime locuste che divorano campi , soldi , lavoro....  altro che pesticidi,catturatele e mangiatele, il governo penserà a distribuirvi ricettari su come cucinarle, questo fatto è accaduto in thailandia.

l'uomo sapiens agli arbori, prima di diventare cacciatore e agricoltore si nutriva di insetti e aveva un . Quindi non è una novità assoluta.
Pochi anni fa ad esempio in Sardegna è vietato produrre il casu marzu, il tipico formaggio con i vermi.
Volete sapere come si formano i vermi? Dopo aver realizzato il pecorino, una mosca casearia (phiopila casei) depone le uova sopra al pecorino e le larve si nutrono edel formaggio, a renderlo così cremoso all'interno è la digestione dei vermi, il formaggio marcio ha un odore molto pungente e una volta aperta la forma i piccoli vermi incominciano a saltare.

l'idea di mangiare  insetti vi terrorizza acora?, sappiate  che nelle farine, o nel cioccolato o in alcune verdure congelate, sono presenti i vermi della farina e altri piccoli insett che vengono macinati e magari il pane che avete in tavola, conterrà alcuni insetti in forma di farina.

  anche i giapponesi sono  estimatori di insetti e  hanno diverse ricette:
  • hachi-no-ko: larve di vespa bollite
  • zaza-mushi: larve di insetti acquatici
  • inago: cavallette fritte ripiene di riso
  • semi: cicale fritte
  • sangi: larve di tarma fritte
Le leggi italiane vietano assolutamente, l'uso degli insetti in cucina, quindi se vorreste aprire un ristorante di insetti avrete davanti a voi mesi e mesi di carte e burocrazia.

Il grande vincolo che dobbiamo superare e vincere è solo quello mentale, perchè per il resto c'è solo da stare al tavolo e mangiare.


Io non seguo la dieta a base di insetti anche perchè stando in Italia non saprei nemmeno dove andarli a comprare farine e altri derivati. Se mai mi ritroverò in messico, in  asia o in giappone cercherò di assaggiarle e di prendere spunto.

alcune immagini dei piatti a base di insetti, devo dire che chi gli ha preparati non è molto pravo con le presentazioni, http://www.comby.org/photos/insectes/pictgalit.htm

Ultima cosa, se vi interessa , saranno tenuti dei corsi per cuochi professionisti a Singapore su come cucinare gli insetti e quindi stay tuned!

vi lascio questo link di wired dove carlo cracco con vermi scaduti (se leggete l'etichetta) espone e prepare i piatti da lui creati con insetti. http://tv.wired.it/news/carlo-cracco-ecco-come-cucino-gli-insetti-wired-backstage.html



scrivetemi se sapete qualcosa in più!

3 commenti:

  1. Ciao, come ti posso contattare in privato? Hai una email?

    RispondiElimina
  2. sono su twitter come @gingerbloncook se vuoi scrivimi li.

    RispondiElimina
  3. oppure la mai email è evangelionzanini@gmail.com

    RispondiElimina